logo-mini

Un 2015 meraviglioso/Nell’Expo: le mostre imperdibili

SOMMARIO

L’offerta culturale di Milano nel semestre di Expo include oltre 7.000 eventi, dove un ruolo fondamentale lo giocheranno le rassegne artistiche. Palazzo Reale ospiterà un percorso espositivo senza precedenti dedicato a Leonardo, ma anche retrospettive dedicate a Giotto e all’arte lombarda tra il XIV e il XVI secolo. Alla Pinacoteca, invece, saranno presentati contemporaneamente per la prima volta i due dipinti di Perugino e Raffaello inerenti allo Sposalizio della Vergine. Infine non possono mancare quelle mostre dedicate all’alimentazione, come “Food. La scienza dai semi al piatto”, inaugurata di recente

Banner 300x250

Offerte Speciali
Amazon per Oftravel









Un 2015 meraviglioso/Nell’Expo: le mostre imperdibili

Leggi anche:
Un 2015 meraviglioso/In Italia
Un 2015 meraviglioso/Nell’Expo: tra musica, teatro, moda, design e…
Un 2015 meraviglioso/Nell’Expo: c’è il Festival dell’acqua, e l’ultima tappa del Giro d’Italia. la gastronomia latina e…
Un 2015 meraviglioso/In Europa I parte
Un 2015 meraviglioso/In Europa II parte

Dal 1° maggio al 31 ottobre 2015, Milano si veste di eventi con “Expo in città”, il progetto del Comune e della Camera di Commercio che promuove l’offerta culturale e ricreativa prevista all’interno della città nel periodo di Expo 2015.
Oltre 7000 eventi (consultabili al sito www.expoincitta.com) saranno scanditi, mese dopo mese, da sei icone della città e da un programma organizzato attraverso 10 parole chiave, un indice tematico che rappresenta un’offerta multidisciplinare vastissima.

Le sei icone sono testimonianza dell’enorme ricchezza di opere d’arte che Milano custodisce, sei capolavori associati a sei parole (BEginning, BEloved, BElong, BEside, BEyond e BElieve) che simboleggiano anche la frase-motto “Milano, a place to BE”. Nello specifico, queste sei icone sono rappresentate da “Il Quarto Stato” di Pellizza da Volpedo che segna l’inizio (BEginning) di Expo in città; “Il Bacio” di Hayez, a giugno, rappresenta poi il tema dell'amore (BEloved); lo “Sposalizio della Vergine” di Raffaello è l’icona di luglio e dell’appartenenza (BElong); la solidarietà (BEside) viene raffigurata, ad agosto, dalla Pietà Rondanini di Michelangelo; mentre settembre è il mese in cui guardare oltre (BEyond) con il “Concetto Spaziale. Attesa” di Lucio Fontana. Infine a ottobre “L’Ultima Cena” di Leonardo è l’icona che invita a credere (BElieve).

Performance, Art, Media, Creativity & Style, Leonardo, Kids, Science, Well Being, Città Mondo e Feed the Planet sono invece le dieci parole chiave che organizzano e suddividono il programma.

Le mostre

Come si nota, l’arte (e quindi le mostre) avranno un ruolo fondamentale nel calendario proposto da Expo in Città. E saranno numerosissime. Tra tutte, quella dedicata a Leonardo, è sicuramente tra le più attese. Dal 15 aprile al 19 luglio 2015, Palazzo Reale ospiterà un percorso espositivo senza precedenti che indagherà la figura di Leonardo artista, pittore e disegnatore, attraverso disegni, manoscritti e documenti, per celebrare il genio del Rinascimento.

Inoltre, si concluderà proprio il 31 ottobre 2015, “Leonardo3” (Piazza della Scala, ingresso Galleria Vittorio Emanuele II), la mostra iniziata nel 2013 dedicata al genio leonardesco, dove i visitatori possono approfondire la sua produzione attraverso 200 macchine interattive in 3D, ricostruzioni fisiche, scritti in formato digitale, interagendo inoltre con le sue invenzioni, con alcune modalità esclusivamente dedicate ai visitatori più piccoli. Altro appuntamento atteso sarà quello, a Palazzo Reale da settembre 2015 a gennaio 2016, dedicato a Giotto, con l’esposizione intitolata “Giotto, l’Italia. Da Assisi a Milano” che percorrerà un viaggio ideale attraverso gli anni dell’artista nel capoluogo lombardo, sulle tracce di “Una gloria mondana”, capolavoro commissionato dai Visconti e andato perduto.

Palazzo Reale sarà anche la sede, da marzo fino a fine giugno 2015, della mostra “Arte lombarda dai Visconti agli Sforza: Milano al centro dell’Europa” che andrà a ricostruire la fisionomia delle dinastie Visconti e Sforza che ebbero il merito di rendere Milano centro manifatturiero e commerciale d’Europa, tra il XIV e il XVI secolo.

Ispirata invece al tema della natura, sarà invece la mostra “Natura. Mito e paesaggio dalla Magna Grecia a Pompei (VI sec a.C. – I sec d.C.)”, rassegna collocata a Palazzo Reale da luglio a gennaio 2016 che proporrà un ampio percorso attraverso una selezione di opere del mondo classico ispirate alla natura in tutte le sue sfaccettature.

Celebrerà invece le opere di Francesco Hayez, la mostra “Hayez. Venezia 1791-Milano 1882”, ospitata alle Gallerie d’Italia (Piazza Scala) dal 24 settembre al 24 gennaio 2016, e curata da uno dei massimi studiosi dell’artista, Fernando Mazzocca, in collaborazione con Sandrina Bandera, Cecilia Ghibaudi e Isabella Marelli della Pinacoteca di Brera, Francesca Valli dell’Accademia di Brera.

Inoltre, dal 15 aprile al 12 luglio 2015, alla Pinacoteca di Brera, saranno presentati contemporaneamente per la prima volta i due dipinti di Perugino e Raffaello rappresentanti lo stesso tema, all’interno della mostra intitolata “Perugino e Raffaello. Sposalizio della Vergine. Dialogo tra maestro e allievo”. La grande tavola eseguita dal Perugino arriverà eccezionalmente dal Musée des Beaux-Arts di Caen (Francia).

Non mancheranno poi le esposizioni direttamente ispirate al tema di Expo 2015, come nel caso di “Food. La scienza dai semi al piatto”, la più importante mostra dal taglio scientifico proposta dalla città sul tema dell’alimentazione e ospitata al Museo di Storia Naturale, fino al prossimo 28 giugno 2015 (e già in corso). Attraverso un’esposizione tecnologica che comprende pannelli e installazioni interattive, i visitatori scopriranno tutti i passaggi che, partendo dalla materia prima, portano al piatto finito.

Il Museo Civico, invece, sarà la sede, dal 1° giugno al 31 luglio 2016, della mostra “Cibo e identità culturale: dialogo tra culture e religioni del mondo attraverso l’alimentazione” che analizzerà diverse culture e religioni del mondo antico e contemporaneo attraverso alcuni particolari cibi e alcune modalità di preparazione e consumo.

Infine, per tutto il periodo di Expo 2015, il Museo del Novecento (che ospita anche l’icona del mese di settembre, ovvero Lucio Fontana), sarà arricchito dai capolavori provenienti dai maggiori musei di arte italiana del XX secolo, tra cui GNAM di Roma, GAM di Torino, MART di Rovereto, Cà Pesaro di Venezia e Museo Revoltella di Trieste.

© Of-Osservatorio finanziario riproduzione riservata

StrumentiFoto, Video,
Cartine, Street View

La Cartina interattiva. I Video. Le Foto. La Street View, per essere già lì, nei luoghi e per gli Eventi in cui si parla nell'articolo.

Cartina

Foto/Video

Street View